IL MOMENTO GIUSTO PER CAMBIARE LA MIA VITA

Sono qui immersa nei miei pensieri e in questa giornata frenetica, tra lavoro e progetti, mi si è accesa la lampadina, mi sto scaldando di nuovo.
Già in questi giorni non sapevo bene definire cosa mi stesse succedendo davvero ma, leggendo per caso una pagina del mio diario, ho trovato la parola giusta “scaldarmi”.

Leggere quelle parole di una me diversa, a pochi giorni dal mio arrivo in Messico ormai tre anni fa, mi ha fatto capire che sto rivivendo le stesse emozioni e che questa volta sto facendo questo cambiamento in modo diverso, più consapevole, più maturo e più sincero con me stessa.

Dove è cominciato tutto

Qualche anno fa, dopo mesi di buio e vuoto totale, ho capito che avevo bisogno di tornare a essere una persona calda, che ha voglia di scaldare gli altri ma al tempo stesso di farsi scaldare. Ho capito che un abbraccio sincero di un amico è molto di più di un ti voglio bene scritto in un messaggio o detto a denti stretti in un momento particolare.

Sapete per me non è facile, diciamo che non sono mai stata affettuosa, ma, in quel mese prima di partire, e poi subito dopo, ho capito quando sia bello entrare così in contatto con le persone senza aver paura di affrontarle e di mostrare chi sei veramente.

Ho sempre avuto paura negli anni di aprirmi agli altri, sono stata scottata molte volte in amicizia, do sempre molto per poi non ricevere niente e questo ho capito, da poco, che non è colpa degli altri come ho sempre pensato ma mia…

Perché dare così tanto subito quando puoi dare molto di più nel tempo… come dico per il lavoro ogni cosa va fatta un passo alla volta e con sentimento, quando te la senti e sei sicuro è il momento giusto!

Beh, fidatevi, per me questo è tutt’altro che semplice, qualche anno fa avvicinandomi a passo felpato a tutto quello che è il mondo della crescita personale, non ancora consapevole di quanto sentissi questo mondo vicino a me, non avevo capito quando fosse difficile guardarsi dentro e restare costanti nel contatto con se stessi.

Questo si è visto perché negli ultimi anni mi ero ricostruita un muro attorno verso le persone che non fossero strettamente legate alle mia famiglia di cui mi fido e che so non mi farebbero mai del male.

Cosa è cambiato?

Negli ultimi tempi invece sto piano piano cercando di sgretolare mattone dopo mattone, è una cosa difficile, alcune volte dolorosa ma, che mi sta facendo davvero molto bene.

Ho di nuovo voglia di uscire, ho ricominciato a crearmi delle abitudine e una routine che mi permette di fare tutto quello che preferisco, ho ricominciato a scrivere, cosa che amo e di cui ho fatto il mio lavoro, ho ricominciato a pensare a me stessa, ho voglia di viaggiare, di conoscere persone nuove, di scoprire, di lasciare Andrea la turista a casa e far finalmente partire Andrea la viaggiatrice.

Spesso sgretolare i mattoni è difficile, alcuni vengono giù in un attimo altri invece sono stati costruiti con talmente tanta costanza e convinzione che la fatica per toglierli e abbatterli si fa davvero sentire.

Ma che dire il mio cammino verso la vera conoscenza di me stessa è appena cominciato e anche se l’arrivo sembra tanto lontano, come spesso dico, la vita come ogni cosa è una grande scala e, gradino dopo gradino, si sale sempre più in alto.

Penso che alla cima non arriverò mai perché la voglia di scoprire sempre qualcosa in più sta diventando troppo grande, quindi, quando vi sentirete tristi, giù di corda e forse in alcuni momenti senza speranza non demordete, il momento giusto per cambiare la vostra vita arriva sempre, se avete davvero voglia di farlo.

Abbiate fiducia in voi stessi e soprattutto amatevi, se non amate voi stessi salire tutte le scale sarà molto più difficile.